1. Pagina iniziale
  2. Tutto sul rimessaggio invernale della bici
Guida

Tutto sul rimessaggio invernale della bici

Blog-P-Headerbild-Velos-logo-richtig-min (1).png
8. novembre 2022

Vorresti riparare la tua bici dall'inverno? Abbiamo raccolto per te tutti i fondamentali - dal riparo migliore alla pulizia, dalla pressione delle gomme alle dritte sulle biciclette elettriche.

Qual è il posto migliore per il rimessaggio invernale delle bici?

Le giornate si fanno più fredde, il clima più impietoso e le notti più gelide. È arrivato il momento di concedere alla propria bici il meritato riposo invernale. Ma dove è meglio? Sotto una tettoia? Sul balcone? In garage? In cantina? Dove si può far svernare bene la propria bici?

All'esterno è chiaramente il posto peggiore. Lì gelo e umidità tormenteranno di continuo la tua amata bici, anche se la proteggi con coperture e teloni. L'esterno è allora l'ultima soluzione d'emergenza per tutti quelli che non hanno altri spazi possibili, e comunque solo se la bici può stare sotto un tetto o una tettoia.

Chi ha un garage per bici, può usare quello. Per tutti gli altri restano il più delle volte solo garage, cantine o ripostigli. Il ricovero ideale è un posto asciutto, fresco ma al riparo dal gelo, ben aerato e che non sia esposto a oscillazioni della temperatura, provocate ad esempio dai tubi del riscaldamento o dall'irradiazione solare.

Se la bici condivide il garage con un'auto, occorre premurarsi che quest'ultima non trascini dentro l'umidità e sale che si presentano sulle strade in inverno. Entrambi sono causa certa di ruggine.

Se poi non si riesce proprio a trovare un posto adatto, in certe località c'è la possibilità di affittare appositi box di rimessaggio. In essi il tuo tesoro a due ruote svernerà senz'altro al sicuro, il più delle volte persino coperta da una specifica assicurazione.

Gut zu wissenConsiglio:

Chiedi alla tua assicurazione quanto e come la tua bici sia coperta da danni e furto nei singoli spazi in cui la stoccheresti..

 

Rimessaggio in appoggio sulle ruote o in sospensione: cos'è meglio?

La regola generale è: bici leggere (per es. bici da corsa) meglio in sospensione, ruote pesanti (per es. MTB) meglio in appoggio a terra.

I supporti murali si distinguono poi in verticali e orizzontali. Ma anche i supporti da pavimento o i cavalletti di montaggio possono costituire una soluzione pratica.

In tutti e due i tipi di rimessaggio bisogna comunque premurarsi di fare girare regolarmente le ruote, altrimenti camere d'aria e copertoni si comprimono in un unico punto e si ovalizzano, specialmente se la pressione dello pneumatico è bassa.

 

Occhio ai freni a disco!

Le bici con freni a disco si possono appendere solo in orizzontale, altrimenti c'è il rischio che dell'aria penetri accidentalmente nell'impianto frenante.

Inoltre raccomandiamo di tenere la leva del freno tirata, bloccandola ad esempio con delle fascette per cavi. Anche questo impedirà all'aria di penetrare nei freni. Nel fare questa operazione, occorre tener conto della reale forza dei freni, spesso sottovalutata. Nel peggiore dei casi, le tue manopole potranno risentire della continua pressione esercitata dalle fascette. Verifica prima di procedere ed eventualmente frapponi un'imbottitura.

Prima della prima uscita dopo la pausa invernale dovresti controllare a fondo i tuoi freni. Se il punto di pressione non è più posizionato correttamente, può diventare pericoloso. In quel caso devi far spurgare i freni.

Pulizia e cura prima del rimessaggio della bici

Innanzitutto è importante determinare ponderatamente il momento e non limitarsi a stoccare la bici anche se è sporca.

 

Fango e sporcizia danneggiano il cambio e i freni. Lo stesso dicasi della polvere: per questo si deve coprire la bici dopo la pulizia.

Tra le fonti di pericolo invisibili ci sono anche i residui lasciati dalle bevande per lo sport e dalla traspirazione. Gli elettroliti favoriscono l'ossidazione, come fa pure il sale contenuto nel sudore umano. Concedi allora alla tua bici un lavaggio come non ne faceva da un pezzo, con acqua calda, un panno o una spugna morbidi e - fondamentale - uno specificodetergente per biciclette.

tb2 bild 2.png

E dato che ci sei, mentre pulisci cerca anche eventuali macchie di ruggine. Applicaci un solvente antiruggine in modo che la ruggine non si espanda oltre nel corso dell'inverno.

Attenzione⚠️
Chi pensa che i telai in carbonio non arrugginiscano, si sbaglia di grosso. Su essi la sporcizia e il sale provocano danni alla verniciatura che a propria volta compromettono la stabilità e la sicurezza della bici esattamente come fa la ruggine su un telaio metallico.

Il passo successivo è oliare la catena e applicare sugli ingranaggi del cambio uno spray siliconico. Trovi dei consigli sui relativi prodotti ad esempio tra i nostri articoli per la manutenzione.

Gut zu wissenConsiglio:

Prima del rimessaggio, ingrana sempre la marcia più bassa. Ciò allenterà la catena e le molle del cambio..

 

Non dimenticare di rimuovere il tuo computer da bici e tutti gli altri eventuali componenti elettronici e di riporli al sicuro. Per le biciclette elettriche, questo vale anche per la batteria! (Maggiori informazioni qui sotto)

Chi vuole poi guadagnare ancor più spazio nel modo giusto, può anche svitare i pedali e girare il manubrio di 90°.

Quanta aria nelle gomme?

In linea di principio le mountain bike andrebbero stoccate con una pressione degli pneumatici di 1 bar (0,1 MPa/14,5 PSI) e le bici da corsa con una di 2 bar (0,2 MPa/29 PSI).

Nel rimessaggio in appoggio sulle ruote, le gomme completamente sgonfie vanno assolutamente evitate perché altrimenti sia i copertoni che le camere d'aria rischiano seri danni. Per questo alcuni produttori provvedono ad indicare sul fianco dello pneumatico anche la pressione minima della camera d'aria.

Tieni presente che nel corso dell'inverno la pressione nella camera d'ariadiminuisce. La devi quindi controllare regolarmente. Ciò ti darà anche l'occasione perfetta per arieggiare la bici sotto al telone per contrastare la condensa d'aria che tenderà a formarvisi e di far girare un po'le ruote, in modo che la bici non poggi sempre sulle stesse sue parti.

tb2 bild 4.png

Rimessaggio invernale di biciclette elettriche

Con le biciclette elettriche si devono usare alcune premure che non servono per le altre bici. Da una parte e-bike e pedelec sono più pesanti delle altre bici, quindi un rimessaggio in sospensioneè il più delle volte fuori discussione.

Dall'altra la batteria va rimossa e conservata a parte. I contatti, delicati e sensibili, e i componenti elettronici della bici vanno assolutamente coperti e protetti. L'umidità che vi penetra e i danni causati dalla polvere potrebbero costare molto caro.

In ogni caso dovresti togliere tutte le parti elettroniche rimovibili, come ad esempio il tuo computer da bici, e riporle nel modo loro consono.

Come stocco correttamente la batteria della mia bicicletta elettrica?

Dopo averla tolta, la cosa migliore è tenere la batteria in casa. La batteria non deve però mai essere scarica ma nemmeno troppo carica. L'ideale è stoccarla con una carica tra il 30 e il 60%. Va poi controllata ogni mese.

Va sempre evitato che sia completamente - o quasi completamente - scarica. Queste sono condizioni che possono, nel peggiore dei casi, compromettere irrimediabilmente la batteria. Va però altrettanto evitato di stoccare la batteria completamente carica, perché le celle sarebbero sottoposte a un'eccessiva sollecitazione.

tb2 bild 3.png

Quali sono le temperature migliori per le batterie delle biciclette elettriche?

La temperatura migliore per le batterie è tra i 10 e i 15° C. Comunque non dovrebbe mai superare i 20° C. La batteria non può quindi svernare in un caldo salotto né vicino a un calorifero.

Non si deve mai scordare che quelle delle e-bike sono batterie industriali, con tutti i rischi che da ciò conseguono. Ti consigliamo quindi di non cessare di controllarla nemmeno durante il suo stoccaggio invernale.

Gut zu wissenConsiglio:

Ci sono speciali custodie in neoprene per le batterie delle e-bike nelle quali la batteria può svernare al riparo dalle variazioni di temperatura. Alcune di esse si possono usare sulla bici persino nella bella stagione, per far sì che la batteria sia al riparo dal sole anche mentre si pedala o si fa una pausa..

 

Niente paura dell'effetto memory

Il famigerato e temuto effetto memory appartiene al passato. Sono finiti i tempi delle batterie a nichel-cadmio, che andavano prima scaricate poi ricaricate completamente.

Le moderne batterie agli ioni di litio sono perfettamente a posto con una carica tra il 20 e 80%.

Così, di tanto in tanto, durante lo stoccaggio invernale (o anche durante un'uscita) puoi sempre ricaricare un po' la batteria senza che ciò incida negativamente sulle sue prestazioni. Non le farà certo male, anzi.

tb2 bild 1.png

La mia bicicletta elettrica ha una batteria agli ioni di litio?

Quasi certamente, sì! Tutte le maggiori marche – e quelle che vogliono diventarlo – installano esclusivamente batterie agli ioni di litio. Altri tipi di batterie non si prestano veramente bene a questo genere di utilizzo.